Annamaria BONGIO

Diocesi: 
Como
Data di nascita: 
Domenica, 16 Settembre, 1979
Professione: 
Insegnante
Esperienze associative: 

Acierrina dalla seconda media: era il lontano 1991 ed una mia amica - così come sanno essere apostoli i ragazzi - mi ha invitata a far parte di una storia che non ho più lasciato. Esperienza che mi ha cresciuta poi come adolescente nei giovanissimi, giovane nei giovani e che ora accompagna il mio essere adulta grazie al gruppo adulti della mia parrocchia. Ho cercato di restituire in parte quanto ricevuto dedicandomi soprattutto ai più piccoli: sono stata educatrice Acr, responsabile diocesana Acr della diocesi di Como dal 2003 al 2008, incaricata regionale Acr per la regione Lombardia dal 2008 al 2014. Il consiglio diocesano e la delegazione regionale sono stati per me luoghi non solo di servizio, ma soprattutto di formazione umana e cristiana in cui ho vissuto e sognato una Chiesa davvero per l'uomo e che mi hanno aiutata ad esprimere un impegno di settore, quello per l'Acr, dentro la ricchezza di uno sguardo unitario. Per questo la mia diocesi  e la regione Lombardia hanno poi espresso la mia candidatura alla scorsa assemblea nazionale che mi ha eletta tra i consiglieri nazionali Acr. Prendere posto in consiglio nazionale ha voluto dire per me custodire una fitta trama di volti e di storie di santità laicale che sono espressione di una vicenda tanto antica ed eccezionalmente bella. E ho sentito gli altri, accanto a me, fare lo stesso: sentirsi parte di una storia che ci precede, patrimonio vivo e vitale che ci invita a guardare avanti. Su esortazione del papa e del suo magistero, il consiglio nazionale uscente, guidato dalla presidenza, ha scelto di guardare all’avanti dei nostro tempo: l’icona che ha accompagnato il cammino del triennio è stata quella del  seminatore a cui non è data la scelta della stagione, del campo, dei tempi, ma solo quella di uscire e gettare il seme in modo abbondante…è, è stata una icona che dice, ha detto il modo in cui abbiamo desiderato  essere associazione. Una ac in uscita per una Chiesa in uscita, una Ac che abita le periferie dell’umano, che cerca un dialogo intelligente e libero con le inedite antropologie. A questo abbiamo dedicato discernimento, tempo, energie, risorse e preghiere, anche per i più piccoli.

Nell'ultimo trienno sono stata in Consiglio Nazionale per l'Acr

Stato civile: sposata con Marco e mamma di Caterina (7) e Samuele (4)

Altre esperienze in ambito ecclesiale e sociale: 

Io e Marco siamo coppia giuda nel percorso parrocchiale di Iniziazione cristiana dedicato ai bambini di 7 anni e alle loro famiglie.

Da alcuni anni curo, insieme ad altri catechisti, l’inclusione di bambini e ragazzi con disabilità nei gruppi di catechesi parrocchiale e l’accompagnamento dedicato alle loro famiglie.

Settore/Articolazione: